Troppo azzurro: trailer ufficiale dell’esordio di Filippo Barbagallo (con l’amichevole partecipazione di Valerio Mastandrea)

Nel cast anche Alice Benvenuti, Martina Gatti, Brando Pacitto e Valeria Milillo. Il film è stato presentato in anteprima alla scorsa Festa del Cinema di Roma nella sezione Freestyle

  • Di THR ROMA

Sofia Panizzi, da Te l’avevo detto a Finalmente l’alba: “Il mio candore mi ucciderà”

Romana classe 1997, l'attrice è stata Mila, ragazza con un disturbo alimentare, per Ginevra Elkann e Iris per Saverio Costanza, giovane comparsa di una Cinecittà più grande del cinema stesso. Ma è con La Famiglia Addams che tutto è cominciato, interpretando lo zio Fester. L'intervista di THR Roma

Valeria Golino, la sua Roma, amata e immortale: “È una promessa di felicità, è incanto e imprecazione”

È nata a Napoli, ha vissuto ad Atene, a Parigi, in America ma poi ha scelto il centro della Capitale: "Amo quella sensazione di essere in un posto in cui tutto è procrastinabile, come vivere in una bolla di tempo e bellezza che allontana il dovere, che ti dà l’illusione di una tregua dalla quotidianità caotica". L'intervista con THR Roma

Jasmine Trinca e lo “spirito scomposto” di Roma: “Perché il cinema ama così tanto questa città? Per la luce”

L’attrice e regista racconta la capitale e il suo quartiere, Testaccio. Lo stesso dove era nata Elsa Morante, che ora omaggia interpretando Ida, la protagonista de “La Storia” nell’adattamento di Francesca Archibugi. "Penso che i posti abbiano una specie di spirito che rimane, così come il popolo. Nel caso di Roma una modalità di sacro e profano insieme, qualcosa di dissacrante". L'intervista con THR Roma

Il filo nascosto. La costumista Gabriella Pescucci: “Ho sempre saputo che cosa volevo fare. Sin da piccola”

Premio Oscar nel 1994 per L'età dell'innocenza di Martin Scorsese, è un mito del cinema. Dal villino liberty al centro di Roma continua a lavorare (il suo ultimo impegno è stato Domina) e a inventare abiti capaci di vestire l’anima di chi li indossa. "Quando lavoro provo felicità: realizzare un costume è come costruire una casa. Si parte dalle fondamenta". L'intervista con THR Roma

La città nuda. Claudio Caligari, il regista che spogliò Roma dagli stereotipi. E fece stonare Little Tony

Nel 1998 la narrazione della città cambia per sempre. Fine del neorealismo, delle commedie, del cinema borghese tra baci e attici. Ad aprire il nuovo corso è lui, che lascerà il testimone a un pantheon di altri registi e attori. Saranno loro a spogliare la Capitale di ogni stereotipo, per restituircela com’è: livida, unica e ironicamente epica. Il film da cui tutto cominciò dal 20 novembre torna in sala, restaurato in 4K e distribuito da Minerva Pictures e Cat People

Micaela Ramazzotti: “Roma è una magnifica donna piena di cicatrici. E la felicità è il demone del buon spirito che mi accompagna”

Il viaggio dell’attrice, neo-regista di “Felicità”, dalla periferia sud fino al cuore storico della Capitale. “Sono cresciuta vicino al mare e quando voglio consolarmi ritorno lì. Questa è una città tremenda, molto faticosa, difficile ma piena di bellezza". L'intervista con THR Roma

Ferzan Ozpetek. Il regno di Oz nel Nuovo Olimpo. “Alcuni capolavori, tutti interi, io non li ho visti mai”

Con i suoi film ha trasformato Ostiense, lo skyline industriale della Capitale, in una consuetudine. Oggi ha lasciato il quartiere per il centro storico ma con qualche nostalgia, la stessa che prova davanti a una città che ieri si mescolava beatamente, e adesso si chiude. Da oggi, dal 1° novembre 2023, il film di una vita, della sua vita, è su Netflix

Estranei: la storia d’amore queer (e fantasy) di Andrew Scott e Paul Mescal. Tra memoria e fantasmi

Un film di ricordi e possibilità. Ma anche di rimpianti. Quello che è stato e quello che sarebbe potuto essere. Con l'adattamento del romanzo di Yamada Taichi, Andrew Haigh conferma di essere un grande, grandissimo regista

Warwick Thornton, la ballata della suora e del ragazzo: “Noi indigeni ora abbiamo il cinema per raccontare la nostra versione della storia”

Parla il regista del film australiano The New Boy, che è stato uno dei titoli più attesi di Alice nella città (anche per la presenza di Cate Blanchett e le canzoni di Nick Cave). "Stiamo ancora cercando di riparare ai torti subiti. Lo facciamo raccontando storie vere. Sono molto onorato di avere accesso allo schermo cinematografico. E non voglio sprecare quest'opportunità". L'intervista con THR Roma

Shukran, il perdono che vince l’odio jihadista: “L’umanità deve sempre prevalere sulla vendetta”

Un passo alla volta, un uomo alla volta, contro la guerra. L’esordio alla regia di Pietro Malegori è in anteprima assoluta, fuori concorso, nella giornata di chiusura di Alice nella Città 2023. Nel cast Husam Chadat, Camélia Jordana, Antonio Folletto: l'intervista di THR Roma

Cercasi bel cinema indipendente disperatamente: con Anne-Riitta Ciccone e Gli immortali, lo abbiamo trovato

"Un racconto che per me ha un significato particolare, che pesca nella mia vita, nel dolore della perdita di mio padre". Così descrive la cineasta il suo film, passato in Freestyle alla Festa del Cinema di Roma, un'opera potente e sperimentale che commuove e sorprende. Nelle sale italiane uscirà nei primi mesi del 2024

Dall’alto di una fredda torre, il dramma da camera sulle scelte impossibili (che spaccano la famiglia)

Il film di Frangipane, presentato alla Festa del Cinema di Roma, è tratto dall'omonimo spettacolo teatrale: protagonisti due gemelli, Vanessa Scalera ed Edoardo Pesce, e i loro genitori interpretati da Anna Bonaiuto e Giorgio Colangeli. Al centro della storia una malattia rara e un solo donatore: chi si salverà?

Mare fuori 4 tra lacrime e applausi, cronaca di un rito collettivo: “Preparatevi a lasciare alcuni personaggi”

"Chi ha sparato?" è la domanda che si è fatto, per mesi, il pubblico della serie. Mistero risolto con la proiezione alla Festa del Cinema di Roma, in collaborazione con Alice nella città, dei primi due episodi della quarta stagione, prevista dal primo febbraio su RaiPlay e dalla seconda settimana del mese su Rai 2. L'articolo contiene spoiler

Beatrice Fiorentini nell’horror Resvrgis: “Il bosco di notte è selvaggio, per la paura abbracciavo gli alberi”

Romana classe 2000, l'attrice è al suo debutto cinematografico al fianco di Ludovica Martino, Beatrice Modica e Blu Yoshimi. Prossimamente sarà nella serie Un amore, su Sky: "Anche Johnny Depp ha debuttato in un horror, speriamo mi porti fortuna"

Toll, quel Brasile tutto raffinerie e sfruttamento perso tra criminali e santoni, omofobia e sogni colorati

Dopo aver trionfato come talento emergente a Toronto e aver raccolto applausi e consensi critici a San Sebastian, Toll (titolo originale Pedagìo) vince il Concorso Progressive Cinema della Festa del Cinema di Roma 2023. E lo fa meritatamente, grazie a un'opera armonica e rigorosa nonostante le tante sfide che si poneva. O forse, proprio grazie a loro. Sentiremo parlare ancora a lungo della regista Caroline Markowicz

They Shot the Piano Player e il caso del musicista Francisco Tenório, desaparecido “per un panino”

Materiale documentario e sequenze di fiction si alternano nel nuovo film d'animazione di Fernando Trueba e Javier Mariscal, dedicato alla misteriosa scomparsa, nel 1976, di uno dei maestri della bossa nova. In anteprima nazionale alla Festa del Cinema di Roma

Tante facce nella memoria: partigiane e cittadine, la storia delle donne che vissero le Fosse Ardeatine

Il film di Francesca Comencini, presentato alla Festa del Cinema di Roma, documenta lo spettacolo teatrale, con lo stesso titolo, che andò in scena anni fa al Teatro Argentina di Roma. Sei donne in scena, tre partigiane e tre cittadine: nel cast Mia Benedetta, Bianca Nappi, Carlotta Natoli, Lunetta Savino, Simonetta Solder e Chiara Tomarelli

Festa del Cinema di Roma, vince Toll di Markowicz: “Alla Festa tutta la complessità del presente”

La storia di un’addetta al pedaggio autostradale in Brasile che cerca disperatamente di “riconvertire” il figlio gay si aggiudica il premio del concorso progressive cinema: premio del pubblico a Cortellesi, Rohrwacher vince la migliore interpretazione femminile. Gran Premio della Giuria a Blaga's Lessons di Stephan Komandarev

È qui la Festa (di Roma), in 83.000 al festival: “Le star non servono. Merito di un grande cinema italiano”

Affluenza + 52% sullo scorso anno, oltre 70.640 i biglietti emessi tra pubblico e accreditati, presenza finale stimata sulle 92.000 unità. In tutto 543 proiezioni nelle tre sale all'Auditorium e nelle 15 sale romane. La direttrice artistica Paola Malanga: "Troppi titoli? Roma è maestosa, per emergere bisogna farsi notare. E il pubblico ha risposto"