Boris Sollazzo, il vice direttore di THR Roma

Boris Sollazzo

Direttore responsabile

Boris Sollazzo è il Direttore responsabile di The Hollywood Reporter Roma. Cronista e critico cinematografico da 25 anni, ha scritto per le più importanti testate cartacee e non italiane e ha collaborato con alcuni dei maggiori festival internazionali (Venezia e Locarno), dirige il Linea d'Ombra Festival di Salerno, è consulente de La valigia dell'attore, dedicata a Gian Maria Volonté, e ha scritto sei libri. Ha tre ossessioni: il Napoli (e Maradona), il cinema e le grandi biografie storiche. È il padre orgoglioso di Carlo e Bruno.

Più articoli di Boris Sollazzo

Zerocalcare, Quando muori resta a me: la recensione del nuovo capolavoro del “giuggiolone di Rebibbia”

Come Dimentica il mio nome, l'ultimo libro di Michele Rech indaga nella sua famiglia, per raccontare ciò che non sappiamo e troppo spesso neanche vogliamo sapere. Le vite segrete e un po' bugiarde degli adulti, qui, si intersecano con la Storia. Ed è di nuovo una delle sue opere più belle

Roger Corman: “Il cinema? Una felice combinazione tra arte e industria. Ho aiutato la New Hollywood e lei ha aiutato me”

"Ho avuto la fortuna di incontrare grandi registi e di aprir loro gli occhi sul proprio talento. Molti di loro hanno iniziato con me: Francis Ford Coppola, Jonathan Demme, James Cameron", raccontava il leggendario produttore in un'intervista rilasciata al direttore di THR Roma Boris Sollazzo nel 2013 durante l'Odessa International Film Festival

Interstellar games, diventerà una serie d’animazione La bambina più forte del mondo di Silvia Salis

Lo sport raccontato alle bambine e ai bambini da tre ragazze che sfidano l'universo in sfide eccezionali, ecco la storia di Stella che durante il giorno nasconde un superpotere che si esprime al meglio durante la notte, quando da altri pianeti la sfidano in ogni disciplina. Arriverà nel 2025, ma è in un pomeriggio del maggio 2024 che nella Sala d'onore del Coni viene presentata la serie animata tratta dal libro del vicepresidente vicario del CONI

Hungry Bird, si apre il set del nuovo film “tostissimo” di Antonio Capuano con Teresa Saponangelo e Vinicio Marchioni

Dopo l'abbandono del progetto - come produttore e protagonista - di Riccardo Scamarcio "è 'nu guaglione simpatico, ma non se l'è sentita", grazie al grande lavoro del produttore Andrea Leone è partito il set del quattordicesimo film del maestro di Paolo Sorrentino, un legal drama sentimentale e familiare ruvido e potente. L'intervista esclusiva di THR Roma al cineasta

Roberto Saviano: “Ho (quasi) fatto pace con Gomorra. In podcast. E sogno un viaggio in Ducati” (Esclusiva)

"Oggi l'unica strada per lavorare serenamente è carezzare il governo: è il caso del giornalismo genuflesso, o il massacrare mediaticamente poveri cristi e vip, è il caso degli influencer barricaderi che confondono il gossip con l'inchiesta". Non le manda a dire - ed è facile capire a chi si riferisca - l'autore di Gomorra, che ora diventa un audiolibro in esclusiva per Audible. In questa chiacchierata non si sottrae a nessuna domanda. Neanche a quella più importante. "Tra Conte e Pioli, al Napoli vorrei il primo". L'intervista di THR Roma

Scenografi e costumisti premiati ai David nel sottoscala di Cinecittà, l’ennesima dimostrazione del cinetafazzismo italiano

Non si capisce perché: le maestranze finiscono a essere premiati in un angolo imbarazzante del Teatro 5. C'è chi se la prende, chi non va proprio a ritirarlo e chi si chiede perché uno "sfregio" tale in una cerimonia che, comunque, è durata tre ore e mezza

La sorpresa Michele Riondino e il tris di Palazzina Laf ai David sono più importanti di tre statuette

I David di Donatello all'outsider che non ti aspetti e per cui abbiamo tifato non è solo una bella notizia per il cinema ma anche per una società che sembra essersi ricordata cos'è il conflitto sociale e di classe. Di quella classe operaia che da anni è all'inferno e che il mondo ha finto di ignorare. Ecco perché facciamo un appello al Presidente Mattarella

Ayrton Senna: 30 anni fa moriva il migliore, il pilota che voleva fermare tutto per salvare gli avversari

Un simbolo, un'icona, uno sguardo malinconico che ha attraversato la Formula 1 con la stessa imprevedibilità, eleganza, impulsività con cui sorpassava chi gli era davanti. Il 1° Maggio 1994

Sei artisti in cerca di David: perché tifiamo per Linda, Micaela, Kasia, Vinicio, Michele e Dario

La Digital Cover speciale di The Hollywood Reporter Roma è dedicata ai sei volti che non ti aspetti in un'annata colonizzata (meritatamente) dal film C'è ancora domani. Caridi, Ramazzotti, Smutniak, Marchioni, Riondino, Brunori: ecco il nostro dream team dei David di Donatello 2024

Rai: non è servizio pubblico abbandonare Franco Di Mare. Il suo tumore chiede giustizia. E anche noi

La tv di stato tradisce ancora una volta la sua missione. Dopo 70 anni sembra non aver ancora capito chi è, cosa deve fare davvero. Franco Di Mare la definisce ripugnante, racconta di essere stato lasciato solo perché la sua è evidentemente una malattia professionale. Eppure aveva chiesto solo uno stato di servizio

Addio Vera Pescarolo Montaldo: muore una donna di grande talento e incrocio di destini nella strana storia del cinema

"Una creatura splendida, il portamento elegante, lo sguardo intenso. Una giovane donna che sorride. Sorride a me. Avanzo incerto, senza riuscire a staccare gli occhi da quella meraviglia”. Le parole di Giuliano Montaldo raccontano quel fascino irresistibile, qui proviamo a dirvi anche chi era questa donna straordinaria anche oltre quell'autore che ha saputo raccontarci, con lei, storie meravigliose

Il 25 aprile Rai: Antonio Scurati, il monologo censurato e poi regalato, il coraggio e la dignità di Serena Bortone, il bullismo social meloniano

Il 25 aprile alle porte, un monologo sul fascismo e l'antifascismo di un grande scrittore amato in Italia e all'estero che butta giù in qualche centinaio di parole un concetto che dovrebbe essere elementare e diventa invece un tabù da nascondere. Una conduttrice che non ci sta, una premier leonessa da tastiera che usa i social per bullizzare la vittima. Un pasticcio targato Rai

Buon compleanno The Hollywood Reporter Roma. E cento di questi giorni

All'alba del 21 aprile 2023 una redazione che da qualche settimana scriveva alacremente un pezzo di futuro dell'editoria cinematografica, entrava in redazione, dopo una festa inaugurale a Palazzo Brancaccio. E vedeva nascere un giornale qualche milione di parole dopo, è diventato una realtà importante. Ma che ha una fame enorme di futuro

Nicola Abbatangelo: “La Wonderage Production esordirà con Bravo, Burro! di John Fante” (Esclusiva)

"E stiamo già lavorando anche a una commedia e a un film di fantascienza", racconta a THR Roma, in anteprima, il regista e ora produttore, che vuole riportare gli spettatori all'età del fanciullo, la wonderage appunto. "Vorremmo diventare un punto di riferimento, come alla Pixar vorremmo che anche i progetti più diversi, indipendentemente dalle persone che vi lavorano, fra loro mantenessero una cifra stilistica precisa. E inconfondibile"

Alan Friedman: “Il nuovo modo di fare giornalismo come lo intendo io è il documentario”

Il giornalista nonché esperto economico e geopolitico si gode la sua carriera di produttore cinematografico. Tra Lisbona e New York arrivano le anteprime sul biopic su Giovanni Da Verrazzano e il racconto di come (ri)nascono Milano e la grande moda. Poi non rinuncia a dire la sua anche su altro. Come Trump, verso il quale è durissimo. L'intervista di THR Roma

Morto Adriano Aprà, uno dei critici, saggisti e studiosi di cinema più ribelli e coraggiosi

Uno dei più grandi studiosi di cinema italiani se ne va senza aver mai rinunciato a pretendere il massimo dall'arte tanto amata. Direttore della Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro e per 4 anni della Cineteca Nazionale, è stato docente, saggista, regista e pure attore. Lo ricorda con parole meravigliose il regista Marco Bellocchio

La cultura come bene comune, guardiamo al futuro insieme: è nell’arte la rivoluzione (davvero) democratica e necessaria

Riconoscere il valore dei nemici, trovare una piattaforma comune e condivisa e cercare obiettivi da perseguire oltre le proprie idee politiche. Ciò che all'estero è dato per scontato, in Italia è utopia. Invertiamo la tendenza a distruggere l'altro, costruiamo insieme. Cominciando a valorizzare una classe dirigente al di là di presunte appartenenze e cercandone una nuova

Cannes 77: il Rotary del cinema internazionale si “nasconde” sempre dietro i soliti noti

Bello, bellissimo, praticamente già visto. Come ogni anno il Festival di Cannes si annuncia con compiaciuta prosopopea, tutti si emozionano per i grandi autori invitati, sembra il gran gala del Rotary della tua città. Imperdibile, sfarzoso, con grandi nomi tra i soci. Poi a metà serata muori dalla noia. Perché i commensali da anni sono sempre gli stessi, perché il padrone di casa ti propone sempre lo stesso menù, con poche variazioni sul tema

Luca Bernabei: “Le prossime scommesse Lux Vide? Un legal e portare nel terzo millennio Sandokan. Il sogno è una serie family”

"Siamo una factory che grazie alla scommessa di essere presente in quasi tutta la filiera produttiva e all'affiliazione alla famiglia Fremantle può sognare in grande". Così parla l'ad della società di produzione che domina la tv italiana generalista da anni, da Don Matteo a Doc. L'intervista di THR Roma

Rolando Ravello: “Sarò un premier italiano in Rumours. E ho conquistato Cate Blanchett con una cacio e pepe” (Esclusiva)

In tv con Il clandestino dall'8 aprile per sei serate su Rai1, serie di cui cura la regia, torna attore per un progetto indie hollywoodiano, la storia di un G7 molto molto particolare. In cui è Antonio, un premier "molto lontano dagli stereotipi sugli italiani, un'esperienza incredibile che mi ha convinto che dobbiamo allargare i nostri confini". E poi rivela: "Non torno a recitare più, se non a teatro o per un altro progetto del genere. La regia è il mio futuro". L'intervista di THR Roma